Elisabetta Guglielmin

Elisabetta Guglielmin, dopo gli studi di pianoforte e musica da camera al Conservatorio “A. Steffani” di Castelfranco Veneto, si interessa alla musica antica diplomandosi in clavicembalo col massimo dei voti al Conservatorio “A. Steffani” sotto la guida di Lia Levi Minzi.

Segue i corsi del Maestro Kenneth Gilbert alla Fondazione Cini di Venezia, per diventare poi sua allieva  all’Accademia Musicale Chigiana di Siena, dove ottiene i diplomi di merito e a seguito dell’esame finale il Diploma d’Onore e la borsa di studio “Emma Contestabile”.
Dal 1997 al 2001 si perfeziona nella classe di Clavicembalo del Maestro Kenneth Gilbert all’Universität Mozarteum di Salisburgo dove entra per merito con borsa di studio.
Ha seguito quale allieva effettiva stages e masterclasses tenute dai Maestri Roberto Pagano, Siegbert Rampe e Andreas Staier.
Nel 1999 è invitata quale docente e korrepetitor nella classe di Wilbert Hazelzet al Festival J. S. Bach di Köthen, Germania.
Ha tenuto numerosi concerti sia in ensemble barocchi che in recital in prestigiose sale in Europa – Milano Sala Verdi per la Società del Quartetto (diretta nazionale RadioTre ) Venezia Fondazione Cini nell’ambito della settimana della musica antica, Treviso Saletta Brittoni, Palermo Teatro Allo Spasimo, Catania Teatro Sangiorgi, Bologna Saletta dell’associazione Clavicembalistica Bolognese,Torino Villa della Regina,Francia-Atelier von Nagel/Parigi, Austria-Wiener Saal del Mozarteum di Salisburgo, Svezia-Stoccolma  Kristienhovs Malmgår, Germania -Leipzig – BachFestLeipzig,Köln Alte Musik Festival (Viersen) Sala del Castello di Köthen, Grecia, Bulgaria, – e Stati Uniti.
Ha collaborato con diverse orchestre , ensemble e solisti quali Marco Rizzi, Maxence Larrieu, Enrico Bronzi, Mario Brunello,Danilo Rossi,  Wilbert Hazelzet, Valter Vestidello e I sonatori de la Gioiosa Marca, Francesco Manara e l’orchestra d’archi del Teatro alla Scala di Milano.
Insegna clavicembalo all’associazione culturale 3e60 di Torino e tiene diversi corsi e masterclass in Italia e all’estero. Si dedica preferibilmente alla musica francese del XVIII secolo e allo studio completo di tutte le opere di J. S Bach per clavicembalo.
Nell’estate 2017 uscirà la sua registrazione di tutte le suites di Elisabeth Jacquet de la Guerre per OnClassical